Federico Schena

Professore Ordinario di Metodi e Didattiche delle attività sportive, Università degli Studi di Verona

Costruire salute significa mettere le persone nella condizione di fare le scelte adeguate al momento giusto, cioè in un’ottica di prevenzione. SoLongevity va in questa direzione. All’interno di questa visione io mi occupo del ruolo del movimento, uno degli elementi più rilevanti tra quelli che influiscono sull’epigenetica: grazie ad esso possiamo modificare ciò che il DNA ci permette di fare. Oggi, molto più che in passato, il movimento è una scelta volontaria e deve essere adattato alle condizioni di ognuno.

Professore Ordinario di Metodi e Didattiche delle attività sportive, Università degli Studi di Verona

L’Oms definisce la salute come “uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale” e non solo come “assenza di malattie”. Perché sia importante lo vediamo tutti i giorni e chi è in uno stato di benessere generale si ammala di meno. Fare in modo di stare bene significa controllare tutta una serie di fenomeni che sottostanno al buon funzionamento del nostro organismo. SoLongevity va in questa direzione, con l’obbiettivo di mettere le persone nella condizione di fare scelte adeguate al momento giusto, cioè in un’ottica di prevenzione, e costruire salute per il futuro. All’interno di questa visione, io mi occupo del ruolo del movimento, uno degli elementi più rilevanti tra quelli che influiscono sull’epigenetica: grazie ad esso possiamo modificare ciò che il DNA ci permette di fare. Questo è importante a qualsiasi età, ma lo è ancora di più dai 50 anni in poi. Oggi, molto più che nel passato, il movimento è una scelta volontaria e deve essere personalizzato: adattato alle condizioni generali, all’alimentazione, alle attitudini, alla capacità di risposta del nostro corpo e alle eventuali malattie presenti e pregresse.

Federico Schena è Professore Ordinario di Metodi e Didattiche delle attività sportive e Vice Direttore del Dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento dell’Università degli Studi di Verona. È inoltre Direttore del CeRiSM (Centro di Ricerca Sport, Montagna e Salute) presso lo stesso ateneo. Attualmente coordina due gruppi di ricerca a Verona e Rovereto ed è responsabile di quattro laboratori di Sport performance ed Exercise evaluation.

Le principali aree di studio sono: allenamento e prestazione sportiva; energetica della locomozione umana; adattamenti metabolici e vascolari in ipossia; esercizio fisico, salute e invecchiamento (es. le modificazioni indotte dall’esercizio fisico sui fenomeni biologici dell’invecchiamento). Tra il 2002 e il 2009 è stato responsabile dello staff medico-scientifico delle squadre nazionali di Sci di fondo e medico di squadra ai Giochi Olimpici di Torino 2006.

È socio fondatore e Presidente della Società Italiana di Scienze Motorie e Sportive, Presidente della Conferenza dei corsi di studio in Scienze Motorie e Chief editor di Sport Science for Health (Springer Nature). Schena è autore di oltre 250 pubblicazioni e 500 comunicazioni a congressi scientifici.

Pin It on Pinterest