Sirtuine: cibi, dieta e ricette “Sirt”

10 min

Ha conquistato la cantante Adéle e come lei moltissime altre persone in tutto il mondo: la dieta Sirt è sempre più di moda. Ma non è solo questo: al di là degli slogan, diverse ricerche stanno portando alla luce come prediligere certi alimenti e ridurre l’apporto calorico abbiano un impatto positivo sul nostro organismo e possano aiutare a vivere bene più a lungo.

Restrizione calorica e digiuno intermittente sono modi per stimolare la produzione delle sirtuine

Restrizione calorica e digiuno intermittente sono modi per stimolare la produzione delle sirtuine, le proteine della longevità, che sono correlate a un aumento della vita media in diverse specie animali.

Geni SIRT, sirtuine e Sirt diet

Il principio della dieta Sirt, da cui deriva il suo nome, è quello di stimolare l’attivazione dei geni SIRT, soprannominati geni della longevità, e quindi la produzione delle proteine sirtuine, la cui azione mette un freno al processo di replicazione delle cellule e ne favorisce la sopravvivenza, e fa diminuire l’infiammazione aiutando a prevenire alcune malattie. Di norma i geni SIRT si attivano in risposta a minacce o a stress metabolici, ma sembra che alcuni alimenti possano agire allo stesso modo. Come? Facendo leva su stimoli biochimici per potenziare la sintesi delle sirtuine. Alcuni di questi cibi simulano la restrizione calorica, altri sono tipici delle ricette fusion, un mix tra dieta mediterranea e asiatica

La dieta Sirt fa leva su stimoli biochimici per potenziare la sintesi delle sirtuine

Alcuni alimenti contengono molecole che sembrano avere interessanti effetti positivi sulla salute, prevenendo lo sviluppo di malattie infiammatorie

Va detto che non ci sono ancora evidenze scientifiche chiare sul fatto che una dieta basata su determinati alimenti possa stimolare la produzione di sirtuine e portare a dei benefici evidenti per la salute negli esseri umani. Esistono, invece, dati molto interessanti sulle proprietà di alcune molecole presenti in determinati cibi, su cui si sta concentrando la nutraceutica

Esistono dati scientifici interessanti sulle proprietà anti-aging di alcune molecole contenute in determinati cibi

Qualche ricetta della dieta Sirt

Tenendo ben presente quanto detto, nulla vieta di sperimentare qualche curiosa e fresca ricetta estiva della famosa Dieta Sirt che, oltre a prevedere un apporto calorico ridotto, fa uso di alimenti salutari e molto presenti anche nella diete mediterranea e fusion. Buon appetito!

Dieta Sirt

La famosa Dieta Sirt, oltre a prevedere un apporto calorico ridotto, fa uso di alimenti salutari e molto presenti anche nella diete mediterranea e fusion

 

Sirt Super Salad

Ingredienti:

50 g di rucola

50 g di foglie di indivia

100 g di salmone affumicato

80 g di avocado, sbucciato, snocciolato e affettato

50 g di sedano, gambo a fettine e foglie

20 g di cipolla rossa, affettata

15 g di noci, tritate

1 cucchiaio di capperi

1 dattero Medjool grande, snocciolato e tritato

1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

succo di 1⁄4 limone

10 g di prezzemolo, tritato

Preparazione:

Mettere le foglie di insalata (rucola e indivia) su un piatto o in una ciotola capiente.

Mescolare insieme tutti gli altri ingredienti e servire con sopra le foglie.


Tabbouleh di grano saraceno e fragole

Ingredienti:

50 g di grano saraceno

1 cucchiaio di curcuma macinata

80 g di avocado

65 g di pomodoro

20 g di cipolla rossa

25 g di datteri Medjool, snocciolati

1 cucchiaio di capperi

30 g di prezzemolo

100 g di fragole, mondate

1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

succo di 1/2 limone

30 g di rucola

Preparazione:

Cuocere il grano saraceno con la curcuma.

Scolare e mettere da parte a raffreddare.

Tritare finemente l’avocado, il pomodoro, la cipolla rossa, i datteri, i capperi e il prezzemolo e mescolare con il grano saraceno.

Affettare le fragole e mescolarle delicatamente all’insalata con l’olio e il succo di limone. Servire su un letto di rucola.


Sirtfood Green Juice

Ingredienti:

75 g di Cavolo riccio

30 g di rucola

5 g di prezzemolo a foglia piatta

2-3 grossi gambi di sedano (ca 50 g), comprese le foglie

1/2 mela verde di medie dimensioni

Un pezzo di zenzero fresco (da 1 a 2,5 cm)

succo di 1/2 limone

1/2 cucchiaino raso di polvere di matcha

Preparazione:

Mescolare insieme cavolo, rucola e prezzemolo, quindi centrifugarle. L’obiettivo è ottenere circa 250 ml di succo di verdura.

Centrifugare il sedano, la mela e lo zenzero.

Aggiungere il succo di limone.

A questo punto dovrebbero esserci circa 250 ml di succo in totale.

Quando il succo è pronto per essere servito, versarne una piccola quantità in un bicchiere, quindi aggiungere il matcha e mescolare energicamente con una forchetta o un cucchiaino. 

Una volta sciolto il matcha, aggiungere il resto del succo e mescolare ancora.

In base al proprio gusto, è possibile diluire con acqua naturale.


Bibliografia per approfondire